Report e foto da Porto Sant’Elpidio 2017

LETIZIA CI RACCONTA LA GARA

Si sono conclusi questo week end i campionati italiani a Porto Sant’Elpidio. Sede, ormai da sette anni, del Trofeo Italia e  Campionato Italiano di aquathlon e della Coppa Italia e Trofeo Italia per il triathlon.

La nostra società è stata presente nelle giornate di sabato e domenica con le diverse categorie, dai cuccioli agli junior, con gran spirito di unione e divertimento. I risultati al termine di un lungo inverno di preparazione sono arrivati per tutti. Purtroppo i numeri di tempi e piazzamenti non raccontano la storia presente dietro ogni gara. Questo articolo vuole parlare proprio dei ragazzi e di ciò che hanno portato con sè durante le loro prove. Per trovare quale sia il riscontro cronometrico o di piazzamento basta andare sul sito della Fitri, per scoprire qualcosa di più sui nostri ragazzi in questa trasferta, potete continuare a leggere questo articolo.

I “piccoli”, Gatti Lorenzo, Silvia Turbiglio hanno dimostrato di essere ormai dei veterani in questa manifestazione, sapendosi gestire sia in campo gara che nei momenti di riposo e svago, a volte meglio dei grandi. Le gare sono state solo la conferma di ciò che hanno imparato in questi anni di allenamenti e competizioni: organizzazione e autonomia.

Alberto Germano, Iovino Alessandro e Lucia Turbiglio hanno gareggiato per imparare le piccole malizie che una gara di aquathlon e triathlon richiede, la capacità di stare in gruppo e di decidere quando ci sono degli imprevisti. Per loro fare piccoli errori rimane il modo migliore per imparare a non farli più, per avere così la possibilità di farne degli altri e per imparare nuove cose.  Saracano Davide ha afforntato una piccola difficoltà ma ha deciso lo stesso di partire, qualsiasi sia il suo tempo o piazzamento questa esperienza è stata sicuramente preziosa.

La “banda” composta da Pietro Turbiglio, Piero Pelosi, Giulio Baronio, Leo Martinez, Luca Marchetti, Tommy Portaluri è cresciuta. I suoi componenti hanno gareggiato mettendo in ogni frazione quello che sanno fare, hanno preso e dato botte a nuoto, hanno pedalato alla ricerca di gruppi in bici, evitato cadute e corso cercando di superare qualsiasi altro concorrente, confermando la loro tradizione di arrivare insieme.

Da Cremona questo gruppo ha iniziato a comprendere che può fare tanto, allenarsi meglio e divertirsi nell’andare forte in gara.

Gaia Laciura tornata a gareggiare dopo un anno particolare, ha concluso il suo aquathlon, e ha lasciato noi allenatori la speranza di vederla anche nel triathlon prossimamente.

Giulia Gatti, Nick Bertrandi e Gaia Cancilla hanno dimostrato che il passaggio nel gruppo dei grandi di quest’anno, nonostante la fatica di molti allenamenti, è servito. Gareggiando con lucidità e presenza sia nell’aquathlon che nel triathlon, imparando a leggere le situazioni di gara sulla base delle proprie sensazioni e iniziando a capire che gli allenamenti al lago sono utili per le gare, nonostante qualche timore!

Marta Pianfetti, solo da quest’anno con noi e reduce da un infortunio durato molto tempo che l’ha costretta ad allenarsi con poca costanza, ha comunque dimostrato che c’è il terreno per fare qualcosa di più. Maria Raviolo ha gareggiato come si allena, con la voglia di fare, di sorridere e con la capacità di festeggiare per i propri miglioramenti!

Passando alle youth B, hanno preso parte ai campionati, Bianca Turbiglio e Ludovica Gatti. Entrambe un pò in difficoltà nell’aquathlon della prima giornata hanno saputo riprendersi nel giro di 12 ore. Ludovica ha fatto emozionare uscendo tra le prime dall’acqua e facendo una frazione di bici molto buona, superando qualche paura legata al mezzo e dimostrando una grande consapevolezza per il lavoro che l’aspetta nella corsa. Bianca non è riuscita a esprimere i suoi miglioramenti nella prima frazione ma ha dato libertà ai suoi talenti in bici e in corsa. Entrambe hanno imparato una maggiore capacità organizzativa in termini di preparazione pre gara e di riscaldamento.

I maschi hanno creduto nelle loro capacità e dimostrato di esserci nei grandi appuntamenti, come fatto intravedere a Cremona.

Edoardo Ciccarelli, dopo un lungo periodo di stop si è difeso bene sia nell’aquathlon che nel triathlon. Simone Della Donna a causa di un influenza nell’ultima settimana ha dovuto saltare la prima gara, ma non è stato fermato dalla febbre per fare lo sprint riuscendo comunque a fare un ottima esperienza. Tommaso Luzzati purtroppo non è riuscito nemmeno lui a esprimere i passi avanti fatti nel nuoto, sempre presenti e costanti, ma questo non gli ha impedito comunque di imparare e di prendere quello di buono che ha fatto in gara per usarlo come stimolo per le prossime competizioni. E’  partito un pò sotto tono nell’aquathlon Luca Di Tommaso, all’esordio quest’anno, ma protagonista di una bellissima gara la domenica nel triathlon, lasciando lo spazio per sperare che prendendosi i suoi tempi possa esprimere i propri talenti tra qualche mese. Cristian De Ponte ha confermato ancora una volta le sue capacità acquatiche e la voglia di essere tra i protagonisti, insieme ad un pò di sbadataggine, ma noi preferiamo appoggiarci sulle prime due caratteristiche per vederlo crescere agonisticamente nel futuro. A concludere il racconto dei nostri ragazzi manca un assaggio della storia di Thomas Bertrandi che dopo due stagioni caratterizzate da continue difficoltà, infortuni e stop vari ha lavorato duramente per nove mesi, dal punto di vista tecnico e non solo, per essere il protagonista del campionato italiano di aquathlon e  centrando un obbiettivo importante  prefissato a inizio stagione nel triathlon.

Quello che ci portiamo dietro da questa trasferta è la consapevolezza che come squadra siamo su un buon cammino per portare i nostri atleti a una crescita agonistica e personale.

by Letizia

IL RACCONTO DI IVAN

Campionato Italiano Aquathlon – Coppa Italia – Trofeo Italia Porto Sant’Elpidio giugno 2017

Con calma che arriviamo! Anche quest’anno non abbiamo potuto non mancare alla stupenda trasferta a Porto Sant’Elpidio per portare i colori della Torino Triathlon nella kermess dei CAMPIONATO ITALIANO AQUATHLON e Triathlon. Che la trasferta non fosse semplice lo si era capito dalla partenza. Il pullman ci aspettava già dalle 6,00 nel piazzale della Decathlon di Moncalieri (partenza intelligente, abbiamo pensato, ma ben presto avremmo capito che le Autostrade italiane sono piene di “intelligenti” che partono!!!). Prima sfida: caricare bici e bagagli nella pancia del pullman…fatto a fatica, ma fatto! Seconda sfida: caricare gli atleti…fatto anche questo…perfetto, partiamo! Terza sfida, di cui non avevamo tenuto troppo in considerazione: arrivare a destinazione in tempo per le gare. Dopo 12 ore di viaggio (di cui 6 o 7 di statale) eccoci arrivati al campeggio. Salutiamo con un po’ di mesta malinconia i sedili che ci hanno accompagnato fino a qui e prendiamo possesso del quartier generale della Torino Triathlon con il colonnello Francesca e il Generale Jackie che organizzano magistralmente il nostro arrivo. Cena ottima e abbondante…tutti a nanna, che domani si fa sul serio. Il giorno seguente ci aspetta il Campionato Italiano Aquathlon. Tutto super organizzato. La zona cambio è immensa e vuota sembra più grande di un campo da calcio. “ Che paura, troverò il mio posto???? ”, ci sembrava di leggere negli occhi degli atleti più piccoli o di quelli alla loro prima esperienza. Facciamo subito capire di che pasta siamo fatti piazzando al primo posto e incoronando col titolo di Campione Italiano di Aquathlon nella cat. Junior maschile, Thomas B. con il tempo di 00:21:18.80 e un best race nella frazione di corsa. Bravo Thom! Tra gli altri atleti sottolineiamo il 5 posto Youth B di Christian D. e molti altri atleti nelle prime trenta posizioni. Per i giovanissimi, buone le prestazioni che consentiranno loro di guadagnare preziose posizioni nelle prime batterie della prova di Triathlon del giorno successivo. Al rientro in campeggio ci aspetta una buona cena e per chi non vive di solo TRI, maxischermo per la finale di Champions League (non commento). E siamo a domenica. Oggi si devono preparare anche le bici. Numeri attaccati ai posti consueti, si parte per la zona cambio. MIchele M. magistralmente coordina la preparazione dei giovanissimi mentre gli altri allenatori sono già in “pista” da ore. Tra un camera d’aria forata sostituita al volo e le ultime raccomandazioni, anche i giovanissimi sono pronti. Oggi il sole ci fa un po’ di sconto ma la giornata è sempre spettacolare. I giovani gareggiano al mattino. Purtroppo la squalifica di Thomas pesa moltissimo, sarebbe stato sul gradino più basso del podio. Bella frazione di bike per Giulia G. che nella parte pedalata da del filo da torcere alle rivali strappando una 6a posizione al rientro nella zona cambio. Nicholas chiude la sua prova con la 22a posizione, seguito da Pietro T. e Leonardo M., rispettivamente 27° e 45°). Il piazzamento migliore lo porta a casa Bianca T. con un 13° posto di categoria. Per i giovanissimi, il miglior piazzamento di categoria lo fa registrare Silvia T. (23a), mentre Lorenzo G. porta a casa un meritati 13° posto kids! Bella avventura anche questa volta. L’effetto che fa vedere centinaia di atleti sfidarsi in gara ma ritrovarsi alla sera tutti insieme a mangiare e a ridere in compagnia non è mai scontato e anche in questa edizione è stato sorprendente! Grazie a tutti. allenatori e organizzatori. Grazie a chi, come genitore, ha partecipato alla gara non competitiva del triathlon dei supporter (per fortuna che quest’anno avevano pensato anche a loro allestendo ponti per attraversare indenni, più o meno, il campo di gara). Alla prossima….partenza intelligente per Porto Sant’Elpidio!

by Ivan Germano

FOTO GALLERY: APRI