XTERRA MAUI 2017: alla finale mondiale c’è il nostro Walter Roda

Dopo tanta fatica ed una stagione ricca di gare siamo pronti a partire per questa esperienza mondiale a Maui – Hawaii
Dopo la qualifica presa nell’XTerra Malta ad Aprile, arriva la qualifica all’ XTerra Worldwide Championship, il mondiale, la gara a cui ogni triathleta dell’OffRoad vorrebbe partecipare.
Siamo ad una settimana dalla gara ed è ora di partire, dopo circa 25 ore di viaggio arrivo su questa fantastica isola, qualche giorno per abituarsi alle 12 ore di fuso orario, qualche allenamento di rifinitura e dopo aver provato i percorsi di run e MTB ed aver assaggiato le onde del Pacifico è arrivato il momento di mettere in pratica tutto ció che Coach Gabba mi ha insegnato in questi anni.
Domenica 29 Ottobre ore 5:30 la sveglia, ci siamo è ora. Alle 7 apre la ZC e vado a depositare la mia MTB sulla rastrelliera, sistemo tutto con meticolosa precisione e mi reco in spiaggia per riscaldarmi in acqua.
Si respira un aria strana ricca di emozioni, ambiente gioviale, l’ incontro fra atleti di tutto il mondo è come se fosse fra amici che si conoscono da una vita ma in realtà non si sono mai visti, la gente locale è stupenda, ti accoglie con sorrisi e ti mette subito a tuo agio, la loro gentilezza ti allieta la giornata.
Siamo in 850 partenti di 52 nazioni, i migliori atleti al mondo della specialità.
Gli italiani sono in tutto 15 e sono l’unico piemontese, quindi non posso che essere felice di aver centrato questo obiettivo.
Alle 9:15 parte la mia batteria quella degli over 50 (i diversamente giovani come dico sempre io), sparo di cannone e spariscono tutte le tensioni, siamo in gara, tuffo nel maestoso Oceano Pacifico per i 1.500 mt con uscita all’australiana, si cerca di uscire dalle onde cercando di assecondare l’oceano e non prendendolo di petto.
Uscito vado alla T1, prendo la MTB e proseguo la mia gara, il caldo la fà da padrone, 32 gradi ma quello che preoccupa di più è l’umiditá oltre l’80%.
Termino la seconda frazione recuperando alcune posizioni e mi avvio verso la T2 dove mi aspetta l’ultima parte della gara, la trail run, una corsa nel bosco con tante variazioni di ritmo, saliscendi e sopratutto tanto caldo. Dopo 5 km di bosco e salita mi trovo a fare una discesa ed infine l’ultimo km è sulla spiaggia, dove qualche ora prima lo sparo di cannone aveva aperto la gara della vita.
Chiudo il mondiale in 3h50’49”,  344^ assoluto su 850 atleti e 28^ di categoria su 70.

Vado via da questa fantastica Isola, sapendo di portarmi con me una grande esperienza di crescita non solo come atleta ma come uomo, sicuramente ci riproverò nel 2018.

Un ringraziamento grande a tutte le persone che hanno fatto si che potessi fare questa bellissima esperienza.

by Walter Roda

Lascia un commento